Otoplastica

› OTOPLASTICA

Le orecchie a sventola, pur non essendo un problema di salute, possono rappresentare per molte persone un handicap psicologico

L’intervento correttivo delle orecchie nei bambini deve essere programmato tra i 6 e i 15 anni di età, quando il bambino è già in grado di collaborare con il chirurgo. Un bambino piccolo non è adatto per l’intervento in quanto non è ancora terminato lo sviluppo del lobo. L’operazione in età adulta non presenta nessun limite, tutto dipende dalla decisione di cambiare il proprio aspetto.

L’intervento chirurgico inizia con un’incisione subito dietro l’orecchio: la cute viene liberata, interrompendo alcuni muscoli non importanti del lobo, la cartilagine viene assottigliata con il laser e rimodellata. Il corretto fissaggio del lobo avviene con alcuni punti di sutura interna. L’intervento è eseguito con tecnica laser. Il vantaggio del nostro metodo consiste nella riduzione al minimo dell’emorragia e dell’edema nella zona dell’intervento e nella breve convalescenza.

I pazienti possono riprendere la loro normale attività dopo 10 giorni dall’intervento. Le bende vengono rimosse dopo 3 -5 giorni dall’intervento. Per i 5 giorni successivi è necessario indossare sulle orecchie una fascia elastica. Dopo 10 giorni si rimuovono i punti di sutura e il paziente toglie la compressione. Per ulteriori 3 settimane è consigliata solo la fascia elastica per dormire, a prevenzione di eventuali micro ferite nel sonno. Il ritorno all’attività fisica e sportiva è possibile dopo 1 mese dall’intervento.

otoplasticaotoplastica_2